Con il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 16 febbraio 2016, n. 40 il Governo si appresta a dare avvio alla rivoluzione digitale anche nella Giustizia Amministrativa.


Rispetto all’originario schema di regolamento, sono state apportate alcune modifiche frutto anche dei contributi pervenuti dal Consiglio di Stato.

Al fine di mettere a punto il sistema è prevista una fase di sperimentazione che terminerà il 20 maggio 2016 e che coinvolgerà alcuni TAR (Napoli, Pescara, Firenze, Trieste, Reggio Calabria, Venezia e Milano) e il Consiglio di Stato.

Con l’approssimarsi della data di entrata in vigore del nuovo processo, fissata all’1 luglio 2016, e con la, forse troppo breve, fase di sperimentazione che si avvia alla sua conclusione, sono tuttavia ancora molte le questioni lasciate aperte.

Leggi l’articolo pubblicato su: italiappalti.it